Oggi si celebra la Giornata Internazionale della Donna, una giornata dedicata al ricordo di tutte le donne che nel corso della storia di sono battute per la parità dei diritti di genere. Con l'occasione di questa importante ricorrenza, è giusto anche ricordare e celebrare tutte le donne che, in ambito scientifico, hanno fatto la differenza grazie al loro impegno, al loro lavoro e alle loro scoperte. Ecco chi sono le 7 scienziate italiane più famose della storia

1. Rita Levi-Montalcini.

Neurologa e senatrice a vita, Rita Levi-Montalcini rappresenta la scienziata italiana per eccellenza. La sua più grande scoperta, che la portò a ricevere il Premio Nobel per la medicina nel 1986, su l'individuazione dell'NGF, nerve growth factor o fattore di crescita del tessuto nervoso, che influenza la crescita delle cellule del sistema nervoso periferico e quelle del cervello e attraverso il quale i ricercatori stanno cercando di risolvere malattie come la SLA o l'Alzheimer.

2. Margherita Hack.

Forse l'astrofisica italiana più conosciuta, Margherita Hack è stata la prima donna italiana a dirigere un osservatorio astronomico. Oggi non c'è più, ma le sue pubblicazioni sull'affascinante mondo delle stelle restano immortali e ci permettono di ricordarci il suo fondamentale ruolo di divulgatrice scientifica che ha caratterizzato soprattutto i suoi ultimi anni di attività.

3. Samantha Cristoforetti.

Aviatrice e ingegnere, Samantha Cristoforetti è diventata uno dei simboli del mondo della scienza italiana in qualità di astronauta e prima donna italiana nell'ESA (Agenzia Spaziale Europea). Nel novembre del 2014 è infatti partita a bordo della navicella e ci ha raccontato, per sei mesi, la sua vita “tra le stelle” appassionando gli italiani di tutte le età.

4. Elena Cattaneo.

Biologa, farmacologa e divulgatrice scientifica, Elena Cattaneo è la donna italiana delle cellule staminali. La sua carriera infatti l'ha portata a lavorare per molti anni al MIT dove è iniziato il suo lungo percorso di ricerca sulle staminali e sulla Corea di Huntington, una malattia genetica neurodegenerativa.

5. Fabiola Gianotti.

È la prima fisica italiana, oltre che la prima donna, ad ottenere il ruolo di Direttore Generale dell'Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare (CERN), stiamo parlando di Fabiola Gianotti, la scienziata che diete l'annuncio della prima osservazione effettuata di una particella considerata compatibile con il bosone di Higgs.

6. Lucia Votano.

È la prima fisica italiana a dirigere i Laboratori Nazionali del Gran Sasso, del celebre Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, i più grandi laboratori sotterranei del mondo. Lei è Lucia Votano, la scienziata che si occupa delle ricerche internazionali sui neutrini, definiti i fantasmi dell'universo.

7. Caterina Falleni.

Giovane, anzi giovanissima, Caterina Falleni forse ancora non è una delle scienziate italiane più famose della storia, ma ha la stoffa per diventarlo. Lei è infatti la prima scienziata italiana vincitrice di una borsa di studio per la Singularity University della NASA e l'inventrice di Freeijis, il primo frigorifero che non ha bisogno di corrente elettrica per raffreddare gli alimenti.