Guidare con la lingua non è l'ultima moda hi-tech di scienziati eccentrici intenti in ricerche assurde, ma un'invenzione che potrebbe cambiare radicalmente lo stile di vita delle persone tetraplegiche e, dunque, impossibilitate a muovere busto e arti. Gli esperti della Georgia Institute of Technology hanno ideato un sistema che colloca sulla lingua il comando delle sedie a rotelle, sulla base di un'osservazione che assegna a questo muscolo uno spazio della corteccia motoria del cervello paragonabile a quello delle dita della mano. Dato, questo, che fa della lingua un muscolo, non solo particolarmente resistente alla fatica, ma soprattutto molto maneggevole.

I ricercatori hanno dunque concluso che "la lingua svolge molteplici funzionalità che ne fanno un interessante mezzo di controllo per le persone con gravi disabilità fisiche". Così nasce il piercing che funge da joystick e che permette, a chi non ha la funzionalità di gambe e braccia, di potersi spostare grazie ad un nervo cranico che spesso non è danneggiato dall'invalidità. La ricerca, pubblicata dalla rivista Science Translational Medicine e ancora in fase di sviluppo e perfezionamento, potrebbe contribuire a dare maggiore autonomia e libertà ai soggetti tetraplegici costretti oggi ad utilizzare tecnologie non altrettanto semplici ed immediate.