Ci sono uomini che, per combattere la perdita dei capelli, utilizzano alcuni farmaci come Propecia e Avodart che, tra gli effetti collaterali, provocano disfunzione erettile, cioè incapacità del pene di mantenere l’erezione, o anche solo di raggiungerla. A darci questa notizia sono i ricercatori della Northwestern University che hanno preso in analisi gli effetti della finasteride (utilizzata per i farmaci Propecia e Proscar) e della dutasteride (utilizzata per i farmaci Avodart e Jalyn) su un grippo di 11.909 uomini tra i 16 e gli 89 anni tra il 1992 e il 2013.

Gli scienziati spiegano che maggiore è l’esposizione a queste sostanze, maggiore è il rischio di sviluppare una disfunzione erettile di tipo persistente rispetto a coloro che invece utilizzano meno questi farmaci. E non è tutto, i ricercatori sostengono che questo tipo di difficoltà persiste nel tempo anche dopo che il paziente ha smesso di assumere la sostanza: neanche il Viagra, o farmaci simili, riescono a migliorare la situazione.

Prima di questo studio non c’erano forti elementi a dimostrazione di questi effetti dei farmaci sull’attività sessuale anche dopo che i pazienti avevano smesso di utilizzarlo: si parla di mesi e in alcuni casi di anni. Mentre erano già stati dimostrati gli effetti sull'erezione durante il periodi di assunzione. Ma come è possibile? Gli scienziati spiegano che la finasteride e la dutasteride agiscono bloccando gli ormoni maschili, la prima viene prescritta per gli uomini che hanno la prostata ingrossata o problemi di calvizie, mentre la seconda per chi ha problemi di ingrossamento della prostata.

I dati raccolti hanno dimostrato che 167 degli 11.909 uomini presi in considerazione hanno sviluppato problemi di erezione che si sono protratti fino a 1.348 giorni dopo aver smesso l’assunzione dei farmaci.

[Foto copertina di qemotionq]