Si dice che il mondo sia bello perché vario e il regno animale, con la sua varietà, non può che confermare questo proverbio. A prova delle meraviglie, più o meno belle, che il pianete ci propone, c'è la pubblicazione di NewScientist intitolata “The Anti Zoo – 50 freaks of nature you won't see on tv”. Ecco allora i 10 animali più strani, per questioni estetiche e biologiche, che abbiamo selezionato per voi.

La lucertola cornuta del Texas.

in foto: La lucertola cornuta del Texas spruzza sangue dagli occhi per difendersi

[Foto da Wikipedia.org]

Questo rettile potete trovarlo principalmente in Texas ed è conosciuto per le caratteristiche spine che rizza sul suo corpo per spaventare il suo principale predatore, il Coyote. La sua stranezza? È in grado di spruzzare un forte getto di sangue dai suoi occhi in modo da colpire direttamente chi sta cercando di catturarlo. Il sapore e l'odore del liquido organico di questo animale ha un odore fastidioso al punto da far scappare il nemico.

Il Tarsio.

Il Tarsio ha gli occhi più grandi del suo stesso cervelloin foto: Il Tarsio ha gli occhi più grandi del suo stesso cervello

[Foto da Wikipedia.org]

Questo piccolo primate della famiglia dei Tarsiidae si trova in Asia. È lungo circa 12 cm, ha mani molto grandi caratterizzate da lunghe dita (da cui il nome che richiama al tarso) che utilizza per il grooming (la cura) con i suoi simili. La sua stranezza? Ha occhi enormi cui dimensioni sommante sono più grandi di quelle del suo stesso cervello. Il loro diametro è di circa 1,5 cm.

La tartaruga dal guscio molle della Cina.

La tartaruga dal guscio molle della Cina urina dalla boccain foto: La tartaruga dal guscio molle della Cina urina dalla bocca

[Foto da Wikipedia.org]

Il suo vero nome è Pelodiscus sinensis, è una specie a rischio e si trova in Cina. È lunga circa 30 cm e ha piedi palmati che le permettono di nuotare con agilità. Purtroppo è molto ricercata dai bracconieri in quanto si pensa che abbia proprietà curative: è infatti celebre la zuppa di tartaruga. La sua stranezza? Ha un muso molto lungo dal quale urina che non rappresenta però il suo vero apparato urinario.

Il Lamantino.

Il Lamantino ha baffi sensibili in grado di percepire gli oggetti a distanzain foto: Il Lamantino ha baffi sensibili in grado di percepire gli oggetti a distanza

[Foto da Wikipedia.org]

Il Trichecus, conosciuto come Lamantino, è un grosso mammifero che, per le sue dimensioni, è stato battezzato anche mucca del mare. Pesa circa 500 kg ed è lungo quasi 3 metri, si trova sulle coste del Sud America e nel Mar dei Caraibi. Ad oggi è a rischio estinzione a causa dell'eccessivo sfruttamento del suo habitat da parte dell'uomo. La sua stranezza? I suoi baffi sono sensibili al punto da percepire oggetti a metri di distanza. Questa caratteristica gli permette di sfuggire dalle imbarcazioni.

Il topo delle cavallette.

Il topo di Sonoran ulula alla lunain foto: Il topo di Sonoran ulula alla luna

[Foto da Wikipedia.org]

Il suo nome è Onychomys torridu ed è un topolino marrone che vive nelle zone aride dall'Arizona. La sua stranezza? Prima di colpire la sua preda, ulula alla luna. Ma non finisce qui. La struttura delle sue cellule nervose lo renderebbe molto resistente al dolore.

Il Granchio del Cocco.

Il Granchio del Cocco è il più grande artropode del mondoin foto: Il Granchio del Cocco è il più grande artropode del mondo

[Foto da Wikipedia.org]

Conosciuto come il Granchio del Cocco, il Birgus latro vive nell'Oceano Indiano e nel Pacifico Occidentale. Il sapore che ha, simile all'aragosta, lo rende uno delle pietanze preferite delle popolazioni autoctone del Pacifico che pensano sia afrodisiaco. La sua stranezza? Con i suoi 4 kg di peso e 40 cm di lunghezza, è il più grande artropode del mondo. La sua stazza gli permette di rompere le noci di cocco, suo principale alimento.

L'orecchione di Hemprich.

L'orecchione di Hemprich è il pipistrello più forte del mondoin foto: L'orecchione di Hemprich è il pipistrello più forte del mondo

[Foto da Wikipedia.org]

Il vero nome dell'orecchione di Hemprich è Otonycteris hemprichii ed è un pipistrello molto diffuso in Africa Settentrionale e in Asia Occidentale. Caratterizzato da grandi orecchie, lunghe tra i 30 e i 42 mm, pesa fino a 20 grammi e il corpo è lungo circa 70 mm. La sua stranezza? È considerato il pipistrello più forte al mondo. Cattura gli scorpioni, li uccide e, per prima cosa, ne mangia la testa, per poi finirlo completamente.

Il rospo baffuto dell'Emei.

Il rospo baffuto dell'Emei è caratterizzato da baffi che si trovano sul suo labbro superiorein foto: Il rospo baffuto dell'Emei è caratterizzato da baffi che si trovano sul suo labbro superiore

[Foto da Wikipedia.org]

Il Leptobrachium boringii è un rospo che vive sul Monte Emei, che si trova nella provincia cinese dello Sichuan. Lungo tra i 67 e i 75 mm, è attualmente una specie a rischio. La sua stranezza? I baffi sul suo muso che crescono come spine per minacciare gli altri maschi rivali. Proprio come per gli umani, i baffi sono il tratto distintivo maschile di questi rospi e li mostrano con molto orgoglio.

Il Phallostethus cuulong.

Il Phallostethus cuulong ha i genitali sotto la boccain foto: Il Phallostethus cuulong ha i genitali sotto la bocca

Il Phallostethus cuulong è un pesce che viene dal Vietnam e si trova ad una profondità che varia da 0,5 a 3,5 metri nel Delta del Mekong. La sua stranezza? Ha i genitali sotto la bocca. Ancora non è chiaro come maschi e femmine si accoppiano, ma gli scienziati sono al lavoro per scoprirne tutti i segreti.

La Salamandra maculata.

La Salamandra maculata produce uova che contengono alghein foto: La Salamandra maculata produce uova che contengono alghe

[Foto da Wikipedia.org]

La Salamandra maculata, Ambystoma maculatum, si trova principalmente negli Stati Uniti e in Canada, ma anche in Europa, è lunga tra i 15 e i 25 cm ed è caratterizzata da un colore nero macchiato da pois gialli. La sua stranezza? Alcune delle sue uova contengono alghe verdi. Si pensa che al loro interno queste riescano a vivere in simbiosi con gli embrioni riuscendo a completare il processo di fotosintesi.