Ormai è chiaro a tutti che il nostro Pianeta sta attraversando cambiamenti climatici che stanno modificando le temperature e intensificando le precipitazioni da un lato e la siccità dall'altro. E l'anno appena iniziato non sembra promettere nulla di buono. Come spiegato dalla stessa World Meteorological Organization (Organizzazione meteorologica mondiale), per il 2016 i record appena raggiunti dal 2015 verranno superati e così avremo temperature ancor più alte, eventi atmosferici ancor più devastanti, pesanti siccità e forti precipitazioni.

A rendere difficile la situazione atmosferica attuale sono le elevate concentrazioni di gas serra che non sembrano placarsi e portano le temperature, sia della terraferma che dei mari, ad innalzarsi, modificando il clima a livelli allarmanti, come spiega lo stesso Ban Ki-moon.

I primi due mesi del 2016 hanno già registrato temperature da record, con picchi importanti soprattutto alle latitudini più alte. L'Artide è in gravi condizioni a causa del continuo scioglimento dei ghiacciai che porta all'innalzamento del livello del mare e alla distruzione dell'habitat di molte specie animali, come l'orso polare, sempre più a rischio estinzione.

“Il nostro Pianeta sta mandando un messaggio molto potente ai leader mondiali per firmare e implementare l'accordo di Parigi sui cambiamenti climatici e per tagliare le emissioni di gas serra ora, prima di aver passato il punto di non ritorno” ha dichiarato il segretario generale del WMO Petteri Taalas.

Nel 20esimo secondo la temperatura si è alzata di già di un grado e siamo a metà strada prima di arrivare al punto critico dei 2 gradi. Lo scenario più probabile parla addirittura di una crescita di 3 gradi, quindi 1 oltre il limite previsto, poiché difficilmente verranno rispettati i piani previsti. Taalas non ha dubbi che la situazione attuale debba essere presa sul serio una volta per tutte perché quello che sembrava il nostro futuro, nel frattempo è diventato il nostro presente.