Con l'arrivo di San Valentino, si registrano picchi di romanticismo, ma se in molti, quando parlano d'amore si riferisco al cuore, la realtà dei fatti, che spiega da dove arrivi questo sentimento, è molto diversa. La sensazione di innamoramento provata infatti non è frutto del battito cardiaco, come ovviamente tutti sanno, ma è il risultato dell'attivazione del sistema limbico che si trova nel nostro cervello. Che cos'è l'amore? Ce lo spiegano i ricercatori di SciShow.

in foto: L'amore nasce dall'ipotalamo

Il sistema limbico è il centro emozionale del nostro cervello, guida infatti i processi relativi alle emozioni, alle motivazioni e alla ricompensa, quindi ci permette di provare sia le emozioni positive che quelle negative. Allo stesso tempo è colui che controlla anche gli impulsi sessuali. Per fare un esempio, quando sentiamo la voce o vediamo qualcuno a cui vogliamo bene, il nostro sistema limbico si attiva.

Ma il vero responsabile dell'amore sembrerebbe essere l'ipotalamo che a sua volta controlla il sistema nervoso autonomo e quello limbico producendo, rilasciano o inibendo alcuni ormoni, regolando il ciclo sonno-veglia e la temperatura corporea, monitorando l'apporto di cibo e acqua e dando il via alle espressioni fisiche delle emozioni.

Per capirci quindi l'ipotalamo gestisce tutte queste attività del nostro corpo e ci permette di dare una risposta fisica alle emozioni: stiamo parlando del sudore, del battito cardiaco accelerato, dell'aumento della temperatura e di tutti quegli altri sintomi che ci fanno capire che siamo innamorati della persona che abbiamo di fronte.

L'ipotalamo non agisce solo sulle emozioni positive, ma anche su quelle negative. Quindi quando il nostro cuore viene “spezzato” rischiamo di soffrire di pressione alta, disturbi del sonno e dell'appetito, sintomi che ci fanno capire che stiamo vivendo una delusione d'amore.

Non è tutto. L'ipotalamo influenza anche il sistema endocrino responsabile della produzione di ormoni e controlla l'ipofisi, la ghiandola endocrina che regola altre funzioni, come la libido.

Per concludere, l'ipotalamo produce anche l'ossitocina, detta “ormone dell'amore” poiché viene rilasciata quando siamo in compagnia delle persone che amiamo, così come dei nostri amici a 4 zampe.

[Foto copertina Takmeomeo]