La celebre e bianchissima spiaggia della Scala dei Turchi, in Sicilia, si è svegliata quasi completamente rossa. Conosciuta per la parrete rocciosa, la falesia, candida che erge a picco sul mare, la spiaggia si è svegliata diversa dal solito: come spiega la delegazione Mareamico di Agrigento “La spiaggia della Scala dei Turchi è stata invasa da una sostanza rossiccia”. Di cosa si tratta?

La prima ipotesi parla di ossido di ferro, o comunque ruggine e composti ferrosi che hanno diverse gradazioni di colore che vanno dal giallo all'arancione, passando per il rosso e il marrone. Ma perché si forma in mare? Secondo la delegazione il motivo potrebbero essere le forti piogge che, cadute in abbondanza, avrebbero trasportato la ruggine fino a riva coprendo così la sabbia.

La seconda ipotesi è l'iperproduzione di alghe, magari a causa delle temperature. In alcuni casi infatti le alghe possono riprodursi eccessivamente colorando così il mare e la sabbia.

La terza, e ultima per ora, ipotesi della delegazione è invece il lavaggio delle cisterne di qualche nave di passaggio, anche in questo caso però non è certo.

Per saperne di più dovremo aspettare le analisi che sta effettuando l'ARPA contattata proprio dalla delegazione Mareamico di Agrigento, forse avremo più dettagli tra poche ore.

Ecco come appare normalmente:

[Foto di Wikipedia]

La Scala dei Turchi si trova tra Realmonte e Porto Empedocle, Agrigento, in Sicilia, ed è un'attrazione turistica molto gettonata sia per la falesia, sia per la spiaggia bianca caratterizzata da sabbia finissima alla quale si accede attraverso una scalinata naturale di pietra calcarea, responsabile della colorazione suggestiva.

Perché si chiama così? Il nome deriva dalle incursioni di pirati saraceni, arabi e turchi che avvenivano in passato in questa zona.

[Foto di Mareamico delegazione di Agrigento]