E' una delle bevande più discusse, tanto che intorno alle sue proprietà possiamo sentirne di ogni tipo. Questa volta, però, la forza antidepressiva del caffè è solo una parziale novità. L'Università di Harvard nel 2011, dopo un esperimento su 50.000 donne, annunciò con prudenza che il caffè previene la depressione. Ora è la  Harvard School of Public Health a dichiarare con maggiore sicurezza, dopo due anni dalla precedente ricerca, che bere dalle 2 alle 4 tazzine di caffè riduce del 50% il rischio di suicidio. Lo studio è stato pubblicato sul The World Journal of Biological Psychiatry e ha coinvolto circa 200.000 soggetti in 16 anni di studio.

Spiega Michel Lucas, uno degli autori dello studio, che la caffeina agisce sulle emozioni attraverso i neurotrasmettitori. Ovviamente il caffè non è la sola bevanda a contenere caffeina, ma per poter assumere la stessa quantità di questo alcaloide contenuta in una tazzina di caffé (circa 140 mg), sarebbero necessarie ben tre tazze di tè.