Gli scienziati sono riusciti ad identificare quali sono le creature marine che alcuni giorni fa hanno divorato i piedi di un ragazzo di Melbourne che si era tuffato in mare. Il giovane racconta di aver avvertito un dolore lancinante ad una gamba che aveva poi iniziato a sanguinare. In ospedale i medici, non riuscendo a capire le cause delle ferite, si sono limitati a curare il giovane. Il padre del ragazzo ha così deciso di tornare sul luogo dell'incidente per recuperare alcuni campioni di queste creature e, grazie a lui, adesso gli scienziati del Museum Victoria hanno finalmente una spiegazione: ecco chi sono gli esseri viventi responsabili dell'accaduto.

Anfipodi Lysianassidae. “Abbiamo identificato le creature marine che sono state catturata dal padre di Sam Kanizay, ferito sulla spiaggia di Brighton, si tratta di Anfipodi Lysianassidae, una tipologia di crostacei-spazzini”. In pratica, spiegano i biologi marini, si tratta di creature ‘spazzine' che non sono normalmente pericolosi e che non provocano ferite, o comunque non questa tipologia di ferite.

Spiegazioni possibili. E allora come è possibile che il ragazzo sia stato ferito? Secondo gli scienziati, gli anfipodi in questione potrebbero contenere un anti-coagulante che avrebbe impedito appunto al sangue di smettere scorrere. Inoltre, l'acqua molto fredda potrebbe aver ‘anestetizzato' la gamba al punto da non far sentire i morsi. “Gli anfipodi non sono velenosi e non provocano danni permanenti” spiegano gli scienziati.

Pidocchi di mare vs pulci di mare. Dal Museums Victoria ci fanno inoltre sapere che gli anfipodi sono considerati le ‘pulci' del mare, e non devono essere confusi con i ‘pidocchi' del mare che sono invece gli isopodi, anch'esse crostacei.

[Foto di Jarrod Kanizay]